Corso esame di Stato architettura: consigli per superarlo

Sono in molti a temere l’esame di Stato architettura in quanto le prove che bisogna sostenere non sono poche e la complessità delle stesse d’altro canto mettono a dura prova il candidato.

Per questa ragione abbiamo deciso di scrivere questo post , al fine di fornire alcuni utili consigli per superarlo al meglio, senza commettere errori.

Ricordiamo a tutti che gli esami si svolgono in due sessioni, una a giugno con presentazione di domanda a maggio, e l’altra invece nel mese di novembre con scadenza di presentazione domanda ad ottobre.

Detto questo vediamo qui di seguito gli errori da evitare.

Prova grafica

  • Documento d’identità: non presentarsi all’esame con un documento proprio di identità è un gravissimo errore;
  • Durante le lezioni architettura dedicate alla preparazione dell’esame, dovranno essere utilizzati gli stessi strumenti anche in sede di esame;
  • Leggere attentamente il tema: a volte a causa della disattenzione si legge un tema molto velocemente senza capire a fondo il significato precludendone poi il risultato finale;
  • In architettura non si può inventare nulla perché si tratta di una materia basata su tecniche e stili. Ecco dunque che all’esame di Stato bisogna mettere in atto tutte le conoscenze che si sono acquisite durante il corso esame di Stato architettura e impostare la propria proposta progettuale.

Prima prova scritta

  • Attenzione alla lingua italiana: essa deve essere utilizzata nel modo corretto senza errori grammaticali e né sintattici. Mai superare le 4 facciate;
  • Arricchire la relazione con dei concetti o magari con degli schizzi è fondamentale, anche perché un bravo architetto si esprime meglio con i disegni e non con le parole.

Seconda prova scritta

  • Come è stato accennato anche in precedenza non superare le 4 facciate. Se si inizia a scrivere dei poemi piuttosto lunghi non si supererà la prova. Bisogna essere coincisi e diretti, senza giri di parole;
  • Evitare giudizi che possano andare fuori tema o che possano destare polemiche: attenersi scrupolosamente a quanto riportato sulle indicazioni della prova stessa.

Prova orale

  • Essere umili è la prima cosa da fare durante lo svolgimento della prova orale. Di fronte sono presenti commissari ed architetti che hanno molti anni alle spalle in termini di esperienza pertanto, durante la presentazione del proprio progetto cercare di rimanere mansueti senza scontrarsi di fronte a delle probabili contestazioni;
  • Abbigliamento consono alla situazione: non bisogna vestirsi né troppo eleganti e né troppo trasandati, ma occorre una via di mezzo.

E ora non ci resta che augurarvi buona fortuna!